Un bivio

Tutti ti vogliono costringere ad un bivio. Ti dicono che non hai dubbi, ma in realtà sono loro che non ti consentono di averli. Io studiavo astrofisica perché nella mia stoltezza pensavo così di comprendere l’universo, di annichilirmi anche io sopra una collina e divenire cosi nulla nel tutto. Io cosi credevo, adesso non credo in niente. Mi ero scordato di cosa cercavo nella mia vita, di cosa avevo bisogno. Continuamente ci tartassano di opinioni, ci costringono a chiuderci. Siamo quotidianamente violentati da questa massa informe che tenta di adescarci. Come si fa a vivere in questo caos? Sempre un bivio, sempre caos. Cosi io su questo treno non so proprio cosa pensare, non so se è giusto così, che io perda il mio tempo…

 

E mentre stai li seduto, convinto di aver capito il mondo, ti arriva il direttore della Generali che ti parla dell’economia e dell’importanza della minestra, e vale molto più di cento paternali, lui e la simpatica vecchietta. Mi trovo più a mio agio con i vecchi, a più valore guardarli negl’occhi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...