Il silenzio dell’ignoranza

Ad una professoressa ignorante:

E quando le parole tacciono,
i fragili paraventi della nostra vanità si diradano.

Nudi, spogli, con in mano fiocchi di neve ingialliti
figli d’una purezza passata, d’una gioventù perduta,
restiamo, contempliamo, invecchiamo.

Il silenzio d’una risposta celata;
una verità mal coltivata.

Due modi conosco per tacere, due soli:
tacere nel suono o nel pensiero.

Ma

chi tace nel pensiero al pensiero non è avvezzo
tanto quanto l’usignol che a cantar prova ribrezzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...