Claudia

Premessa: Ho deciso di pubblicare parti della mia vita che, altrimenti, sarebbero rimaste sepolte. Questa è una lettera che scrissi alla mia amica Claudia 8 anni fa. Una lettera di un giovane ragazzo di 19 anni che non trovava una sua strada nel mondo. E che forse non la trova tutt’ora.

Cara Claudia,

Ti ringrazio molto per quello che fai, come al solito ti dimostri un’amica di gran lunga migliore di ciò che merito. Scusami innanzitutto se mi ci è voluto del tempo a risponderti ma aspettavo di avere almeno una mezzoretta piena da dedicarti per non scrivere stronzatine banali che ti avrebbero offesa. Sono molto triste, e lo sai bene. Oggi ho litigato (se così si può definire, vabbè piangevo di rabbia diciamo ) con i miei genitori, tempo fa ho discusso con Marta. Il motivo? Può sembrare puramente folle ma ora te lo spiegherò e tu come al solito farai finta di capirmi! XD (Scherzo ovviamente). Allora vedi, io credevo tempo fa che la mia frustrazione derivasse dal fatto che nella mia vita ora mi trovo senza uno scopo. Mi rimaneva comunque il dilemma che però io sono sempre stato una persona priva di applicazioni pratiche senza però per questo risentirne, perché questa situazione è mutata? Beh l’ho capito solo oggi nella vasca, pensa che stupido che sono. Nella mia vita sono sempre sopravvissuto a tutto grazie alla mia grande autostima, al mio sentirmi genio, “Viverlo”. Ebbene non mi ci sento più, non lo so più se lo sono. E quando vado da Marta a chiederle consiglio lei mi dice “No, non penso che sei un genio!” e lei crede così di spronarmi, invece mi distrugge, distrugge la mia credenza. I miei genitori dicono che sono stanchi delle mie chiacchiere e vorrebbero vedere nei fatti il mio talento, come fai tu, con i tuoi quadri. Ebbene io non so dipingere e non so far niente di pratico. Vorrebbero quantificarmi, tagliare a pezzetti la mia genialità per sviscerarla e smembrarla, stupidi esseri umani. Ma vedi io non ho ancora trovato il ponte che può portare gli altri nel mio mondo, oppure si ma non ho affinato la tecnica ecco tutto. Insomma ho perso fiducia in me stesso ecco tutto. Non voglio che mi rinfranchi o altro, so che siete miei amici ed ora mi appoggiate e lo apprezzo moltissimo, ma chi sono io? Perché vedi se io non fossi un genio tutte le mie pulsioni improvvisamente prenderebbero tutt’altro senso, improvvisamente diverrebbero i capricci di un piccolo figlio di papà. Forse è vero che sono una versione “ottimizzata e migliorata” del pro artista. Un simil-reale. Il mondo intorno a me è diventato buio e scuro, non vedo più niente attorno a me e quella che un tempo era una scala di luce ora e divenuta poco più di una flebile fiammella che muore in lontananza. Ho perso la capacità di guardarmi attorno, ma un poco per colpa mia e un poco per colpa di questa società. Mi sento una prostituta che tutti vogliono abbordare. Un volantino la, dona due euro qua, vieni a fare questo corso qua. Cazzo lasciatemi perdere avvoltoi di merda! Perché la maturità non riesce a modificare l’età anagrafica? È come se sapessi quanto stupide fossero queste mie pippe mentali, quanto io sia stupido, eppure non posso farne a meno. Come è possibile che pur essendo consci dell’assurdità di un evento non si riesca a cambiarlo? Siamo veramente esseri irrazionali. Grazie di tutto Claudia e, a presto!

Cordialmente,

Uno che si crede un Genio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...