Acciaio Liquido

Occhi gialli, felini, che s’aggirano di notte
con artigli, assassini, per tutte quelle lotte.

Ed in questa mattanza di persone a metà vita
lor incominciano una danza con il sangue tra le dita
e ti guardano, ti fissano, lasciandoti pensare
che tu prossimo, al banchetto, dovrai partecipare.

Quel che so, che percepisco, è che pur se sono immondi
tra di loro si capiscono tant’è che son giocondi.

La mia anima, tempesta, pensa a farne pulizia
e vorrebbe ora, per sempre, trascinarli tutti via
ma tutta questa forza all’improvviso viene via
e capisco che da sola non basterà a spazzarli via.

Se guardassi nello scuro, delle loro tristi vite
vedrei chiaro che i felini non son altro che formiche
e che solo con la suola della mia anima gigante
potrei compiere un’azione che li schiaccerà all’istante.

Ma quest’anima, d’acciaio, che potrebbe trarmi in salvo
questa sera, per paura, è trasformata quasi in stagno
così mutata, liquefatta, ha formato un grande lago
dove resto, disperato, a specchiarmi senza fiato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...